Archivi del mese: febbraio 2008

Senza Titolo

‘Prigioniero di se stesso’ – Fausto Colaiuda     Prigionieri   Prigionieri di un castello di carte In un mondo di plastica e di cartapesta, Dove realtà e bugia si confondono In un turbinio di voci e di pensieri, Questo … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Censura ‘legale’_ Paolo Barnard

Paolo Barnard _ 11 Febbraio 2008   Cari amici e amiche impegnati a dare una pennellata di decenza al nostro Paese, eccovi una forma di censura nell’informazione di cui non si parla mai. E’ la peggiore, poiché non proviene frontalmente … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Senza Titolo

  Qualcosa vibra dentro quando le guardi Suscitano in te delle emozioni inspiegabili quando si muovono Vorrei che con me fossero come quelle dello scultore quando accarezza con affetto e con orgoglio la sua opera ultimata   Le sue mani … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Le nuove suffragette

«La 194 non si tocca» è così che si presentano le nuove suffragette – di tutte le età – schierate in piazza a Napoli e a Roma, ma anche a Bologna e a Milano per i diritti delle donne. Questa … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Senza Titolo

Romantica Queste labbraaspettano di essere baciatecon la delicatezzadi una goccia di rugiada.Queste maniaspettano di essere sfioratecon la possenza di un gigantee la dolcezza di un bambino.Questi occhiaspettano di essere ammiraticome si ammira una farfalla dai mille colori.Questa pelleaspetta di essere … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Fiera del Libro di Torino 2008

Di nuovo qui, di nuovo a parlare di Israele. Ancora una volta per fare chiarezza su insinuazioni molto spesso infondate. Ancora una volta per difendere il diritto di Israele di essere riconosciuto come Stato. E’ particolare il caso di Israele … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Frankenstein e i fatalisti

Ho spesso la sensazione che non si possa fare altrimenti, come se fossimo tutti degli irrimediabili fatalisti. Tra Seicento e Settecento noi Europei potevamo procurarci dello zucchero dalle Americhe solo (senza alcun’altra alternativa) a spese degli schiavi africani. Ora, nel … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento