Senza Titolo


Tra il giorno e la notte

Belle parole che suonano male

splendide note stonate

è tutto quello che questa penna riesce a produrre:

il pianto più triste

l’abbandono più sofferto

la violenza più efferata

non sapranno mai

parlarti

del vuoto che ora

io sento.

E finché il nulla avrà la mia anima

la volontà non sarà in grado

di sopraffarlo

Seducente demone interiore

la cui forza risiede

nell’incomprensione.

Ma ancora vorrei scrivere

e dalla musica lasciarmi accompagnare

per quanto inutile

e per quanto incompresa

il demone che è in me

non mi ha ancora privata

del desiderio di volare.

Se vivere è morire

voglio trascorrere quest’esistenza

raccontando

cosa significa

restare eternamente sospesi

tra il giorno e la notte.



Roberta Carbone



Se vuoi leggere altre mie poesie clicca qui!

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.